Ma… il cielo è sempre più blu

Ma… il cielo è sempre più blu

Marco Liorni a La Vita in diretta chiede a Marco Morandi di suonare quella che lui stesso definisce la canzone più bella di Rino Gaetano: “Il cielo è sempre più blu“. Marco Morandi, per fortuna, con enfasi corregge: “MA… il cielo è sempre più blu“. L’avversativa, in poesia come nella canzone, è troppo importante per essere omessa.

C’è un mondo di distanza tra “Il cielo è sempre più in blu” e “Ma il cielo è sempre più blu”. Il secondo titolo, quello vero, afferma la contraddizione cui il sorgere, l’ “imbluirsi” del cielo (faccio l’onomaturgo dantesco) introduce, sfidando tutto il resto del male che la canzone esprime: “chi ha scarsa memoria, chi va sotto il treno, chi gli manca la casa, chi mangia una volta“. Il male c’è, ma il cielo è sempre più blu. Rino Gaetano, cantore di tristezza e bellezza. Di realismo e di speranza. Contemporaneamente. Perché contemporaneamente accadono quaggiù. Domani, 30 ottobre, Rino avrebbe compiuto 67 anni. Non ci si stanca mai di riascoltarla, semplice e bella come poche altre.

Pino Suriano

Print Friendly, PDF & Email

Commenti